23 luglio 2012

Presentazione del libro “Viaggio nell’Italia dei beni comuni”


Comunicato stampa che annuncia la presentazione ufficiale del volume Viaggio nell'Italia dei beni comuni, edito da Marotta & Cafiero.

L'opera propone alcune delle principali esperienze legate ai Beni comuni sviluppatesi in tutta Italia.

Tra le realtà esposte, ve ne sono due sviluppate in Friuli: Pesariis in Carnia, la cui Amministrazione Beni civici è presentata da Delio Strazzaboschi del Coordinamento regionale della Proprietà collettiva (www.pesariis.it), e l'impegno della Comunità di Marano lagunare, illustrato dalla studiosa di Beni collettivi dell'Università friulana Nadia Carestiato, che è anche curatrice dell'edizione insieme a Paolo Cacciari e Daniela Passeri. 

 Un altro contributo regionale è quello di Lucia Piani, ricercatrice del Dipartimento di scienze umane dell'Ateneo udinese, che ha scritto un articolo su Le clarisse di Camposampiero: il monastero come esempio di gestione collettiva.

Dopo la presentazione di Napoli, il libro sarà ospitato dalla 3° Conferenza internazionale su decrescita,
sostenibilità ecologica ed equità sociale, in programma a Venezia dal 19 al 23 settembre. Nel corso dell'autunno sarà presentato anche in Friuli, a cura del Coordinamento regionale della Proprietà collettiva.

LA VICìNIA
web: http://www.friul.net/vicinia.php
email: vicinia@friul.net
protezion e avignî des propietâts coletivis in Friûl e te provincie di Triest
zascita in razvoj skupnih posestev u Furlaniji in na Krasu
protezione e futuro delle proprietà collettive in Friuli e nella provincia di Trieste





6 luglio 2012

Convegno ROMA 13/07/2012 c/o INEA su "Proprietà collettive e usi civici tra tradizione e innovazione"

Si terrà Venerdi 13 Luglio 2012, presso la sede dell'INEA (Istituto Nazionale di Economia Agraria) in Via Nomentana n. 41 - Roma, un seminario su "L’agricoltura a beneficio della collettività locale - Proprietà collettive e usi civici tra tradizione e innovazione"

L'inizio dei lavori è previsto per le ore 09.30.

Le forme di proprietà collettiva delle terre e il loro uso per finalità agrosilvo-pastorali hanno avuto particolare diffusione in passato ed oggi, a seguito di alcune proposte di utilizzo dei beni fondiari di proprietà pubblica, sono diventate oggetto di accese discussioni. 

Per alcuni terre collettive, usi civici, terre demaniali sono termini che indicano soltanto vecchie forme di proprietà e utilizzo della terra, che dovrebbero lasciare spazio a nuovi usi di tali beni a favore della collettività locale; per altri esse rappresentano un’opportunità per lo sviluppo di un’economia sostenibile dal punto di vista sociale e ambientale e un’occasione per i giovani di intraprendere l’attività agricola.

La questione può essere analizzata, quindi, sotto diversi profili: quello del significato della proprietà collettiva e dell’esercizio del diritto di uso civico di terre demaniali e quello della loro finalità.

L’incontro ha l’obiettivo di approfondire la conoscenza di questi beni, sia dal punto di vista storico e giuridico, sia da quello dell’utilizzo attuale. Nella seconda parte della mattinata, associazioni, organizzazioni, imprese, cooperative agricole saranno invitate a presentare esperienze e proposte per gli usi civici e altre forme di proprietà collettiva.

Programma
9.30 Introduzione (Giarè, INEA)

10.00 Michele Filippini (Consulta nazionale proprietà collettiva), Proprietà collettive e dei dominii civici: storia, cultura, economia

10.30 Francesco Adornato (Università di Macerata), Beni comuni, proprietà collettive e politiche agricole

11.00 Giuseppe Gaudio (INEA), L’esperienza di Terrecomuni in Calabria

11.20 pausa caffè

11.40 Quale futuro per le proprietà collettive? Ne discutiamo con:
Università agraria di Allumiere,
Salvatore Stingo (Forum nazionale agricoltura sociale),
Giacomo Lepri (Società agricola Coraggio),
Antonio Carbone (ALPA),
Andrea Montresor (Federforeste),
Magnifica Comunità di Fiemme, Marta di Pierro (AIAB, presidio giovani agricoltori)
Paolo Ramundo (Co.br.ag.or)

13.30 Chiusura dei lavori

Segreteria organizzativa: Maria Giglio - giglio@inea.it - Tel. 06/47856405