4 marzo 2021

Concessione di Demanio Civico: TAR annulla in mancanza di procedura ad evidenza pubblica - Sentenza 53/2021 Tar Umbria

Con la Sentenza n. 53/2021 il TAR dell'Abruzzo ha annullato la concessione/contratto stipulata dal Comune di Pizzoli con un'Associazione sportiva per la realizzazione di un poligono di tiro su un'estensione di 9 ettari di Demanio Civico, e il relativo mutamento di destinazione d'uso concesso con Determina di Giunta Regionale.

Il ricorso viene accolto in ragione della fondatezza del primo e del secondo motivo, aventi carattere assorbente:

Con il primo ordine di censure, si espongono vizi di violazione dell’art. 41 del R.D. 26 febbraio 1928 e dell’art. 6 della L.R. 3 marzo 1988 n. 25. I ricorrenti asseriscono che, stante il presupposto per il mutamento della destinazione d’uso delle terre civiche consistente nel “reale beneficio” in favore dei cives, i gravati provvedimenti (e, segnatamente il presupposto provvedimento di autorizzazione regionale) non indicherebbero sotto il profilo motivazionale quali siano i vantaggi per la popolazione derivanti dal mutamento dei terreni di uso civico concessi alla controinteressata.

Con il secondo motivo si deduce eccesso di potere per irrazionalità manifesta e sviamento dell’interesse pubblico atteso che i provvedimenti gravati avrebbero quale unica finalità quella di consentire a privati la possibilità di svolgere una attività ricreativa in modo sostanzialmente gratuito, visto anche l’irrisorio canone offerto (500,00 euro annui), arrecando così un indebito vantaggio patrimoniale e sacrificando l’interesse pubblico in favore di quello del privato.

Il TAR osserva che i provvedimenti impugnati e, segnatamente, il provvedimento regionale di autorizzazione al mutamento di destinazione, non indicano il reale beneficio per la collettività derivante dalla realizzazione di un poligono di tiro sportivo.

Inoltre, la natura comunque “pubblica” dei diritti di uso civico impone che le procedure concernenti le richieste di autorizzazione al mutamento di destinazione debbano anche rispettare le regole di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241, e s.m.i. ed in particolare i principi generali ed i principi di trasparenza ed imparzialità dovendo essere precedute dalla procedura ad evidenza pubblica prescritta dalla normativa europea per ogni concessione di diritti su beni pubblici.

Qui potete scaricare la versione integrale.

Nessun commento:

Posta un commento