26 luglio 2018

Usi civici, a LAMA DEI PELIGNI (Chieti) un convegno di livello nazionale e di riferimento per il centro e sud Italia (28/07/2018)

"Usi civici: scenari possibili per un altro modo di gestire".

Lama dei Peligni. È fissato a sabato 28 luglio, dalle ore 17.30 in piazza Umberto I a LAMA DEI PELIGNI (Chieti), il primo incontro di una serie dedicata alla materia degli Usi Civici, la giornata di studi dedicata alla governance responsabile della proprietà collettiva della comunità. Un convegno ed assemblea di livello nazionale e di riferimento per il centro e sud Italia con i massimi esperti nazionali. L’evento è stato voluto fortemente dal presidente del comitato promotore A.S.B.C. Cives Lama dei Peligni, Cesidio Borrelli, in collaborazione con la locale Associazione Culturale FAI (Fabbrica degli Alimenti Ideali). “L’evento affronta con taglio operativo un tema complesso, ma perfettamente realizzabile nelle sue implicazioni sociali ed economiche”, afferma il presidente Borrelli, “come evidenziano le esperienze in Veneto e sulle Dolomiti d’Ampezzo, perciò sono queste le due realtà d’eccellenza italiane alle quali guardare e prendere esempio. Il nostro territorio non ha nulla da invidiare a quei luoghi”, continua Borrelli, “perché, dunque, non ripartire dal nostro capitale territoriale e dalla sapiente sua integrazione con l’uomo?”.

L’incontro vuole essere occasione di studio e diffusione di una tematica che, pur nella sua specificità, abbraccia il rapporto universale dell’uomo con il suo territorio. La nuova legge 168/2017 Norme in materia di Domini Collettivi” riconosce il ruolo istituzionale e l’importanza dei Domini Collettivi quali soggetti giuridici “primari delle comunità originarie”, soggette solo alla Costituzione, e quali presidi posti a salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio, della cultura e delle consuetudini configurandole altresì come risorsa attiva per lo sviluppo economico e sociale del territorio. 
L’Abruzzo – dopo il Trentino Alto Adige – è la seconda regione italiana per estensione di terreni gravati da vincoli da uso civico (49% del totale). Ciò comporta un rilievo fondamentale della materia in termini di valorizzazione ed opportunità di crescita dei territori di Dominio Collettivo della gran parte dei comuni montani abruzzesi.

Al Convegno/Assemblea “Usi Civici Domini Collettivi: un altro modo di gestire” interverranno relatori d’eccezione, tra i quali esperti e studio-si di primissimo livello nazionale quali:
Avv. Michele FILIPPINI, Presidente Consulta Nazionale dei Domini Collettivi
Stefano LORENZI, Segretario Regole d’Ampezzo e Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo
Michele LABRIOLA, Perito Demaniale, rappresentante del Coordinamento Basilicata Consulta Nazionale dei Domini Collettivi
Avv. Rodolfo LUDOVICI, Referente regione Abruzzo Consulta Nazionale dei Domini Collettivi
In gioco c'è il futuro dei nostri ragazzi, di un'intera generazione che potrebbe scegliere di restare, dando loro un’opportunità, invece che vedersi costretta alla fuga. Conosciamo bene quali saranno le resistenze da abbattere” continua il Presidente Cesidio BORRELLI, iniziando dalla mancanza di sensibilità nei confronti di questo istituto da parte di tutti gli organi istituzionali interessati, oltre che dell'opinione pubblica. Questo primo incontro è il risultato di quattro anni di duro lavoro, ma rappresenta una vittoria per noi, avvalorata dal sostegno, di respiro nazionale, con i patrocini della Consulta Nazionale Dei Domini Collettivi, Regole d'Ampezzo e il Parco Naturale delle Dolomiti d'Ampezzo.

Invitati ufficialmente: Presidente Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, Assessore regionale Agricoltura responsabile settore Usi Civici Dino Pepe, Dirigente responsabile Usi Civici Regione Abruzzo Dott. Fusco, Presidente parco Nazionale della Majella, Sindaco Comuna Lama dei Peligni e tutto il consiglio comunale, Sindaci dei comuni limitrofi, Associazioni di categoria settore agricoltura, ordine degli avvocati, ordine dei geometri, ordine degli ingegneri, ordine periti agrari, presidenti A.S.B.U.C. abruzzesi.

Nessun commento:

Posta un commento